In risposta a Celentano sui referendum: andiamo oltre, organizziamoci e agiamo!

Pubblico un commento in risposta alla lettera di Adriano Celentano, pubblicata oggi su Il Fatto Quotidiano, in difesa dei Referendum abrogativi (nucleare, acqua pubblica, impedimento) del 12 e 13 Giugno:

Concordo con Celentano sul fatto che questo Referendum sia vitale e che il nucleare non sia la tecnologia adatta a pianificare il nostro futuro, ma anzi ci condanni a terribili deformità, prima di tutto nelle nostre coscienze, oltre che nella realtà naturale.

Non concordo sul fatto che Antonio Di Pietro sia l’unico vero combattente per la salute delle prossime generazioni.
Ci sono tanti movimenti, cittadini non elettori IDV che fanno attivismo contro il nucleare e si battono per un futuro sostenibile.

Ultimamente trovo Celentano (come tanti altri) parecchio in difficoltà e confuso nell’interpretare gli attuali scenari, anche se mosso da valori del tutto onesti e condivisibili.

Dunque rivolgo io un appello a Adriano, al Fatto Quotidiano, al gruppo di AnnoZero e spero che arrivi forte a tutti quelli che hanno davvero a cuore il nostro futuro, e non si limiti a un semplice commento a questa lettera:

ORGANIZZATE UN GRANDE EVENTO IN DIFESA DEL VOTO E DEI REFERENDUM!

Avete tutti i mezzi, e con Rai Per Una Notte noi cittadini vi abbiamo dimostrato che insieme possiamo fare grandi cose mediante l’autofinanziamento.

Uniamo insieme le realtà politiche e la società civile, la cui coscienza è soltanto narcotizzata.
E’ tempo di suonare la sveglia! E per farlo occorre utilizzare tutti gli strumenti di cui disponiamo.

In questo Grillo ha ragione: siamo in guerra. Ma in questa guerra vinceremo soltanto usando l’intelligenza, il confronto e l’informazione.

Cambieremo il futuro solo se facciamo tutto quello che è in nostro potere fare, impegnando prima di tutto noi stessi, con tutte le nostre forze.

Pensateci, un giorno potreste rimpiangere di esservi limitati a parlarne in una trasmissione o a pubblicare una lettera.

Potete, possiamo fare molto di più. Possiamo cambiare.

In risposta a Celentano sui referendum: andiamo oltre, organizziamoci e agiamo!ultima modifica: 2011-04-29T15:56:00+00:00da menu.maluentu
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento